GABI - VALLE VIGANELLA

  • dimensione font
Durata Distanza Difficoltà
4:30 h Km. Medio
Dislivello Dislivello a Quota a.
+ m. 664 - m. 346 a. 578 m.
Download allegati:

 

Dalla stazione internazionale di Domodossola si prende il Bus (n° tratta 14-16-19) con fermata “Laghetto dei Sogni” punto di partenza dell’itinerario. 

Si percorre la strada asfaltata verso Gabi Valle fino alla Centrale ENEL. Si prosegue sulla “Via Francisca”, dove sulla destra troviamo il ponte ad arco che attraversa il rio Anzuno e poi la mulattiera che porta alle frazioni alte di Domodossola ed al Calvario. Si prosegue a sinistra percorrendo un breve tratto di strada asfaltata per poi imboccare la mulattiera che conduce a Valpiana. 

 

In corrispondenza dell’Oratorio si sale verso la parte alta e dopo aver percorso un breve tratto di strada asfaltata si devia a sinistra salendo su una bella mulattiera. Si costeggia una cappella, poi un gruppo di case, la “Posa dei morti” e si raggiunge l’abitato di Tappia. 

 

Una breve visita alla frazione con il forno, il torchio, la chiesa alcune case storiche, poi si riprende il sentiero che porta alla frazione di Sogno dove si trovano abitazioni di grande pregio (una di queste è stata adibita a museo). 

 

Ci si porta ancora ad ovest per incontrare la mulattiera che conduce a Varchignoli, luogo archeologico di grande pregio. Su larga mulattiera si scende a Casa dei Conti e da qui al Boschetto. In questa località è stato allestito il “Centro di Consultazione del territorio di Varchignoli” nei locali comunali dove vi è anche il circolo e un ostello di prossima realizzazione. 

 

Dal Boschetto si prosegue sull’antica via della “Strada Antronesca” (che si può anche raggiungere da Gabi Valle), attraverso Valpiana, Murata, Gaggio, Piazza IV novembre, Noga e Boschetto. Per un breve tratto si percorre la provinciale della valle, per poi salire su mulattiera a scavalcare un punto roccioso; si scende quindi al lavatoio di Cresti, si attraversa il ponte sul torrente Brevettola e si giunge a Cresti dove, all’Oratorio, è stato allestito un “Centro di Consultazione” proprio vicino al Comune e al bar. (Da questa località si possono visitare mulini, forni, torchi, lavatoi e gli oratori salendo a Montescheno, Barboniga, Valleggia, Zonca per poi scendere a Seppiana). 

 

Si prosegue da Cresti lungo la Strada Antronesca e si raggiunge la Cappella d’Arvina, punto di confine con Seppiana. Anche a Seppiana  è stato allestito un CCT sulla vita religiosa della Valle Antrona. Si prosegue sempre su mulattiera per scendere sulla bella chiesa di Seppiana, costruzione monumentale sviluppatasi in varie epoche (chiesa “Pievana” della Valle Antrona). 

 

Poco fuori l’abitato si attraversa la strada provinciale per portarsi sul lato opposto in corrispondenza della cappella. Percorriamo il tratto sotto le mura di contenimento della strada per arrivare a Camblione, San Rocco. 

 

Dopo un breve tratto sulla strada si sale una scalinata fino alla mulattiera della valle, contornata da cappelle, che entra nell’abitato di Viganella (portata alla ribalta in questi anni per uno specchio che d’inverno devia i raggi del sole sul centro del paese). Viganella fin dai tempi antichi era luogo della lavorazione di minerali di ferro (è possibile visitare il centro che illustra questa lavorazione). Poco fuori l’abitato, dopo Rivera, vi è l’agriturismo punto tappa di questa prima parte

 

10.9 km, n/a

Altro in questa categoria: VIGANELLA - COLMA »